Chris Cunningham, il regista visionario


Nato a Reading nel 1970, Cunningham ha debuttato giovanissimo prima nel fumetto, disegnando le storie di Judge Dredd, poi nel cinema in qualità di tecnico degli effetti speciali, accumulando consulenze per Clive Barker (Cabal, 1989), David Fincher (Alien³, 1992) e per Stanley Kubrick che nel 1995 coinvolgerà il giovane talento nella preparazione di Artificial Intelligence, progetto poi ultimato da Steven Spielberg.

aph.jpg

Fra il 1997 e il 1999 Cunningham realizza video per alcuni dei maggiori artisti di musica elettronica: Autechre (Second bad vibel), Madonna (Frozen, girato nel deserto del Mojave con la fotografia di Darius Khondji), Portishead (Only you), Squarepusher (Come on my selector), Björk (All is full of love, corredato da un interessante ‘Making of’), Aphex Twin bjork4.jpg(Come to daddy, cortometraggio del 1997 e Windowlicker); video installazioni come Monkey drummer, lavoro presentato nel 2001 alla 49° edizione della Biennale di Venezia, Flex, realizzato in occasione della mostra evento del 2000, e Apocalypse, alla Royal Academy di Londra.



 

 

Parallelamente alla collaborazione con musicisti e registi, Cunningham ha operato nel campo della pubblicità, collaborando con la Saatchi & Saatchi e la ITV, realizzando celebri spot come quello con Leonardo Di Caprio nello spot commissionato da Telecom Italia.


Cunningham è un regista, un montatore e un tecnico degli effetti speciali preparato, determinato e molto tecnico; la sua forza è nelle tematiche trattate; si rivela un regista visionario con una passione per la contaminazione tra biologico e tecnologico.




M.M

Redazione SPOT


Chris Cunningham, il regista visionarioultima modifica: 2009-04-28T14:46:00+02:00da eguidespot
Reposta per primo quest’articolo

4 pensieri su “Chris Cunningham, il regista visionario

Lascia un commento